Pane di segale

Quest’anno ho deciso di riprendere a lavorare con la pasta madre, perchè è un qualcosa, che per chi ama la cucina, sicuramente non è semplice da usare, ma da tantissime soddisfazioni, perchè sfidi te stessa e vedi dove puoi arrivare. La pasta madre va curata come se fosse un figlio, ha bisogno di essere rinfrescata ogni 7/10 giorni e per la panificazione bisogna avere calma e tempo, ma vi assicuro che ne varrà la pena.

Dove la trovate? Si tramanda di famiglia in famiglia, di generazione in generazione, ma ci sono degli “spacciatori” in tutte le città, che ve ne regaleranno un po’, perchè si la pasta madre va donata, con comprata. Parlando con gli amici, vedrete in quanti la stanno curando a casa.

Se volete utilizzare altro tipo di lievito, potete ovviamente farlo, ma a voi le prove.

Ingredienti:

100 gr di pasta madre

350 gr di farina di segale Ruggeri

170 ml d’acqua

50 gr di uvetta

100 gr nocciole

1 cucchiaino di cannella

1 cucchiaino di sale

Procedimento:

Nella ciotola della planetaria, mescolare la pasta madre e l’acqua, fino al suo completo scioglimento. Aggiungere poi la farina di segale poco per volta, in modo che venga assorbita completamente. A metà impasto aggiungere i restanti ingredienti e continuare a mescolare, fino ad ottenere un composto ben omogeneo e non appiccicoso. Nel caso toglietelo dalla planetaria e impastate a mano per l’ultima volta.

Fate lievitare in una ciotola a temperatura ambiente coperto con un canovaccio per 4/5 ore fino a quando raddoppia di volume.

Trascorso questo tempo, effettuare un giro di pieghe e formare un filone basso e lungo e trasferitelo un uno stampo da plumcake, coprite e lasciare lievitare per altre 2 ore.

Infornare per 1 ora a 180°. Vi consiglio ovviamente di controllare la cottura con uno stuzzicadenti.

Sfornare il pane a farlo raffreddare su una griglia.

Per conservarlo, tenetelo avvolto nella pellicola e in un luogo asciutto. Ovviamente è possibile congelarlo.

Condividi